Il terremoto che avrebbe distrutto Roma l’11 Maggio… e la mozzarella di bufala.

I media e la mozzarella di bufala.
Roma doveva essere distrutta da un terremoto di proporzioni colossali proprio oggi 11 Maggio. La notizia ha iniziato a circolare da mesi sul web: blog, giornali online, Youtube, tutti ne parlavano e come una mina vagante, ha impazzato sui media istituzionali, nei telegiornali, nelle radio e sulla carta stampata. Man mano che la fatidica data si avvicinava, addirittura la Protezione Civile correva ai ripari fornendo i numeri da chiamare in caso d’emergenza. L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia invece aveva proposto un’interessante video-documentario dove veniva sostanzialmente spiegata l’infondatezza della teoria e l’irragionevolezza dell’allarme. Anche i media stranieri hanno parlato della notizia. Qualcuno avrà finito per crederci davvero, d’altronde se lo dice la tv…

Chi è Bendandi?
A predire, o prevedere, tale sciagura sarebbe stato Raffaele Bendandi, uno “pseudo scienziato” secondo Wikipedia. Il Bendandi era un astrofilo autodidatta che nel corso degli anni ha elaborato una sua originale teoria dell’origine dei terremoti: questi sarebbero causati da particolari allineamenti planetari che vanno ad esercitare un’enorme attrazione sul nostro pianeta. Una teoria affascinante che divide da molti anni sostenitori e detrattori ma, ufficialmente la teoria di Bendandi è rigettata dalla comunità scientifica.

Il popolo se gratta.
A Roma tra un “me gratto” e un “nun ce credo”, qualcuno ha finito col crederci davvero. Forse qualcuno non è andato al lavoro, giustificando la propria assenza per “un mal di pancia o mal di denti”, quando invece era andato a mettersi in salvo a villa Pamphilj o al Circo Massimo. Non sono mancate le fughe (o gite) fuori porta con tanto di cestino per pic-nic. Ben più superstiziosi i commercianti cinesi di Piazza Vittorio che hanno tenuto le saracinesche abbassate per “motivi familiari”.

Colpa dei media?
La fondazione Bendandiana intervistata e interpellata innumerevoli volte nelle ultime settimane ha sempre ribadito che dai carteggi originali non risulta alcun “possibile terremoto” nella data del 11/05/2011 né tantomeno a Roma. Si tratterebbe allora di una notizia infondata, se è la fonte ufficiale a smentirla… Certo che riportare una notizia ha le sue conseguenze. E ancor di più riportarne una infondata. Tutta questa bufala (perché di questo si tratta) è nata viralmente dalla rete ed è stata alimentata da qualche internauta sui forum. Quando la terra trema non si può scherzare, ma stavolta si è trattato di una comunicazione scorretta che ha provocato un serio allarme pubblico. Non so quali fossero le reali intenzioni di chi ha inventato di sana pianta la notizia (perché di un’invenzione si tratta) attribuendola al povero Bendandi, ma a qualcuno dev’essere sfuggita di mano.

E chi ha preso la palla al balzo?
I media ufficiali. Di qualcosa di dovrà pur parlare, risponderà qualcuno. Molto rumore per nulla, direbbe Shakespeare. Il problema è piuttosto quando a quel “nulla” si dà troppo spazio e troppo peso, ed è lì che finisce con il generare effetti poco desiderabili. In fondo era un “notizione” di carattere scaramantico-popolare troppo bello per farselo sfuggire: con il nulla si riempiono pagine di giornale, rubriche di approfondimento… La prossima volta però mi piacerebbe vedere qualcuno farsi qualche scrupolo. Ma è forse troppo una simile pretesa.

Il terremoto c’è stato?
No. San Pietro ed il Colosseo stanno ancora lì, placidi e sornioni, ne hanno viste di peggiori negli ultimi secoli. L’importante è che non si è fatto male nessuno. Da questa storia abbiamo capito una cosa: internet è una grande risorsa ma di pallonate ne escono tante proprio perché una tastiera e una connessione sono alla portata di tutti.

 Ah, dimenticavo: la mozzarella di bufala! E’ buonissima!

© Riproduzione riservata

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...